Tra Arte & Propaganda | 1791-L

Christian O’Brien & Lex Villena, sull’arte
Estratto da: What makes art great 
Diet of Worms | 1791-L
15 Novembre, 2018

Pensare è di per sé lottare, mentre nulla è più sicuro di sé dell’ideologia. Quando si tratta di ideologia, le posizioni sono già state pensate per te e ordinate concisamente, sollevandoti dalla responsabilità di doverle prendere in seria ponderazione. In definitiva, se il tuo lavoro mira a parlare direttamente della condizione umana, dovrebbe riflettere la realtà che non hai tutte le informazioni, e che la tua prospettiva non è assoluta. È questo ciò che colpisce nel cuore della condizione umana. Senza ciò, hai poco più di una discreta opera di propaganda, che lascia il tuo pubblico in schiavitù, perché non ha sentito nulla che non avrebbe potuto sentire altrove. E la capacità di auto-analizzarsi onestamente è una qualità rara, motivo per cui questo tipo di arte viene raramente creata e incontrata. In tutti i settori dell’arte, ciò può essere riflesso, e pochi artisti hanno raggiunto questa impresa.
Grandi opere d’arte filosofica o intellettuale tendono a condividere un tema duraturo: cercano di esplorare le convinzioni più profonde delle persone in un modo che provochi domandi stimolanti. In questo modo, l’artista canalizza il suo conflitto interno nel suo lavoro. La complessità degli esseri umani significa che le grandi opere d’arte dovrebbero includere la loro lotta interiore, e incorporare i loro difetti e punti ciechi. Una volta toccato dall’ideologia, quell’opera diventa evidentemente monodimensionale. Da un punto di vista tecnico può essere comunque di alta qualità, ma manca del componente necessario che assicura che tutte le persone, attraverso i secoli, possano sentire il suo messaggio.

1791-L è un Canale YouTube

Scroll to top